Passa ai contenuti principali

Recensione: Una ragazza vecchio stampo di Louisa May Alcott (Flower-ed)

Titolo: Una ragazza vecchio stampo
Autore: Louisa May Alcott
Editore: Flower-ed
Traduzione: Elizabeth Harrowell


Trama 

Polly Milton è una dolce e volenterosa ragazza di campagna, cresciuta in una famiglia umile ma colma d’amore. Quando giunge nell’elegante dimora di Fanny Shaw, dove è attesa per un soggiorno in città, i suoi vestiti consumati e la sua genuina semplicità destano qualche perplessità nell’amica, abituata allo sfarzo dell’alta società. Polly si trova immediatamente a dover affrontare un mondo diverso dal suo, fatto di spettacoli teatrali, pettegolezzi e abiti alla moda, ma con energia e altruismo, tra incomprensioni, storie d’amore e rovesci finanziari, mostrerà a tutti che la vera ricchezza risiede altrove.

La prima parte di Una ragazza vecchio stampo fu pubblicata sulla rivista “Merry’s Museum” nel 1869. In vista della sua pubblicazione in forma di libro nel 1870, Alcott scrisse gli altri capitoli, offrendo ancora una volta ai lettori una protagonista autentica, operosa e indipendente. La traduzione di Elizabeth Harrowell, integrale e annotata, è arricchita dall’Introduzione di Romina Angelici intitolata “Forza d’animo e dolcezza”.

 
RECENSIONE 

Non è un caso che per la nuova edizione di An Old-fashioned Girl, la casa editrice Flower-ed abbia scelto il titolo di Una ragazza vecchio stampo: esso appare oltremodo rispettoso delle intenzioni autoriali espresse dall’autrice nella prefazione al romanzo:

La Ragazza vecchio stampo non è intesa come modello della perfezione, piuttosto come una miglioria in confronto alla Ragazza di Oggi che appare tristemente ignorante o vergognosa di quei buoni modi antichi che rendono veramente belle e stimate le donne e tramite i quali la casa diventa ciò che dovrebbe essere, un luogo felice dove genitori e figli, fratelli e sorelle imparano ad amarsi, a conoscersi, ad aiutarsi a vicenda.

Scritto sulla scia del successo ottenuto con Piccole Donne, Una ragazza vecchio stampo prosegue la serie di otto romanzi che lei scrisse per la gioventù avevano proprio la gioventù come protagonista.

Ormai la strada di Louisa come scrittrice di romanzi per la gioventù era tracciata, grazie al suo mentore Thomas Niles, divenuto un amico di famiglia. Arrivando a lavorare fino a quattordici ore al giorno, Louisa diede alle stampe, allungando un racconto già scritto, anche An Old Fashioned girl, salvo poi regalarsi il tanto sospirato viaggio in Europa.

Pubblicato infatti il 2 aprile 1870, l’indomani la sua partenza, Una ragazza vecchio stampo vende più di trentamila copie e verrà pubblicato a stretto giro anche in Inghilterra.

Nel suo diario ricorda di averlo scritto con la mano dolorante, un piede appoggiato su una sedia e l’emicrania, prevedendo che la gente trovando il libro divertente, le avrebbe chiesto se fosse stato un piacere scriverlo: “Quello che è certo è, invece, che io mi guadagno da vivere col sudore della fronte”.

Non solo proseguendo la saga delle Piccole Donne e Piccole donne crescono con Piccoli Uomini e I ragazzi di Jo, ma anche aggiungendo nuove storie, Louisa aveva trovato un terreno fertile e felice, ma sembra finalmente aver individuato, superate le riserve iniziali, con Una ragazza vecchio stampo la sua vocazione vincente e il campo in cui esercitare la sua opera pedagogica.

Se il racconto delle vicende fanciullesche di Polly dovesse dare un consiglio o indicare un insegnamento, allora malgrado i tanti ostacoli potrò sperare di non aver trascurato del tutto il mio dovere nei confronti dei piccoli uomini e delle piccole donne per i quali è un onore e un piacere scrivere, visto che è in loro che ho sempre trovato i miei sostenitori più gentili, i miei critici più miti, i miei amici più calorosi.

In Una ragazza vecchio stampo riconosciamo subito la sua tipica eroina: Polly è una ragazzina di tredici anni quando lascia la sua casa di campagna per andare ospite dalla famiglia Shaw in città. Le differenze si fanno subito sentire con lo stile di vita condotto dalle due ragazze e da Tom ma Polly riesce a farsi benvolere per i suoi principi sani e semplici e per l’influsso benefico che esercita sugli altri. Quando si ritrovano anni più tardi cresciuti, purtroppo la famiglia Shaw ha subito un rovescio di fortuna; prendendo esempio dalla forza di volontà di Polly, i giovani Shaw riusciranno ad apprezzare i veri valori della vita e a goderne.

Come in quella vecchia favola che celebra la genuinità e la semplicità delle abitudini di vita del topo di campagna, Louisa dipinge questa protagonista come una ragazzina tenera e affettuosa ma anche determinata e rigorosa, assolutamente mai disposta a scendere a compromessi o accettare sconti, che solo dopo averlo reso migliore, sarà degna di essere amata dal suo Tom:

«Un donna di valore da amare e che lo assisterà per tutta la vita, come tu farai per me, con l’aiuto di Dio». «Per quanto sia una ragazza vecchio stampo», sussurrò Polly, con occhi felici che brillavano anche per via delle lacrime, fissando quel giovane che, tramite lei, aveva intravisto il successo più genuino e non si vergognava di doverne rendere grazie all’amore e al lavoro, due bellissimi modi di fare risalenti ai tempi della prima coppia nell’Eden.

Romina

Post popolari in questo blog

FRI 2024: il racconto di Katia

Sabato 16 marzo 2024  Festival Romance Italiano al forum d’Assago. Questo è il mio secondo FRI e non sarà l’ultimo! Il primo anno ero come una bambina che entra da Toys la prima volta... in piena meraviglia, spaesata e molto confusa, non conoscevo nessuno… o per meglio dire non avevo ancora imparato a memorizzare i nomi delle autrici, mi rimaneva impressa solo la storia letta ed un amica mi ha fatto da Cicerone. Quest’anno ero preparatissima con una piantina e un piano d’azione grazie a due mie amiche sono riuscita a portare a termine. Il piano era andare a trovare le autrici che avevano partecipato al progetto “prendi, leggi e porta via” di Agito , associazione di cui faccio parte e progetto di cui sono la referente, andare da chi mi aveva detto di passare a prendere i libri, e passare da chi avevo letto almeno un libro, poi se avanza tempo e forze mi sarei andata da tutte le altre… Devo dire che l’impresa è stata titanica per ogni autrice avevo una lettera di ringraziamento, perch

Recensione: Baracca e burattini di Paola Mini

Titolo: Baracca e burattini Autrice: Paola Mini Editore: Self Publishing  Genere: Narrativa umoristica N. pagine: 227 serie/collana: No Trama È una domenica mattina quando, spinto dall’insistente Cesarina, che da sempre desidera una casa in Corsica, Giovanni prende una decisione che sconvolgerà la rassicurante routine del loro matrimonio. Da quel momento in poi cominciano le preoccupazioni e il dubbio di aver fatto una promessa azzardata non lo lascerà più. Al contrario Cesarina, incapace di pensare ad altro che non sia la prospettiva di una casa al mare, ne parlerà continuamente suscitando anche l’invidia delle colleghe del supermercato dove lavora. Farà bene Giovanni ad accontentarla? Tenerezza e umorismo si alternano in questo romanzo dalla narrazione scorrevole dove i protagonisti, dal carattere diametralmente opposto, invitano a parteggiare alternativamente per l’uno e per l’alt

Recensioni: Bad Sugar di Estelle Hunt

Titolo: Bad Sugar Autore: Estelle Hunt Serie: The Blackwood Castle Series (vol. 7) Protagonisti: John e Margaret Genere: Forbidden, Second Chance, Retelling di Hansel e Gretel Trope di riferimento: First Love, Angst, Hate to Love, Music Romance Edizione: Self Publishing  Data di pubblicazione: 19 Maggio 2023 Pagine: 300   Trama “A volte vale la pena perdersi nel bosco per scoprire cosa nasconde la sua oscurità.” Margaret ha solo otto anni quando conosce John ed è odio a prima vista. È convinta che quel ragazzino dagli occhi scuri e rabbiosi voglia rubarle il padre, ma non passa molto tempo prima che il disprezzo si trasformi in amicizia. Con il trascorrere degli anni il loro rapporto perde l’innocenza dell’infanzia. John rovescia tutto il suo mondo e le fa conoscere l’amore, fino al giorno in cui Margaret è costretta a spezzare il proprio cuore e quello di lui, pur di allontanarlo da sé. Ora John è tornato, ma del ragazzo di un tempo non è rimasto più nulla. È impossibile d