Passa ai contenuti principali

Recensione: I guai son come i baci... uno tira l'altro! di Barbara Scotto

Titolo: I guai son come i baci... uno tira l'altro!
Autrice: Barbara Scotto
Editore: Self publishing 
Genere: Commedia contemporanea
Pagine: 427
Disponibile su Amazon e con Kindle Unlimited 


Trama 

"Penso che essere l'unico fratello di quattro ragazze così testarde sia maledettamente complicato. Direi snervante. Mi hanno ufficialmente eletto custode delle loro confidenze."

Continuano le vicende delle sorelle Graziati, con un narratore d'eccezione: il fratello Marco.
Due di loro si sono trasferite a Milano, nel tentativo di ricostruirsi una nuova vita. Mentre Regina lavora come segretaria per un'agenzia finanziaria, Beky ha trovato una propria dimensione nell'arte, fa la pittrice ed espone i propri quadri nella galleria gestita dall'affascinante Matteo Mura. Jenny è soddisfatta del nuovo lavoro che le permette di viaggiare come ha sempre desiderato, e riceve un'importante proposta; Angelica vive serenamente la gravidanza e la storia d'amore con Daniele va a gonfie vele. Ma i guai riescono a raggiungerle di nuovo, e in un attimo ogni situazione viene ribaltata.

"Sai quando si dice: a volte ritornano… Be' i guai combinati in passato tornano sempre. Perché se è vero che le cose belle accadono all'improvviso, è anche vero che i guai son come i baci, uno tira l'altro!"

Secondo volume di una dilogia, può essere letto indipendentemente dall'altro, ma si consiglia comunque di seguirne l'ordine.


RECENSIONE

"I guai son come i baci... uno tira l'altro!" è il secondo romanzo della dilogia, nato della fervida fantasia di Barbara Scotto, ottima autrice dalla scrittura agile e dall'indubbia vena ironica, che è riuscita a raccontare con apprezzabile leggerezza ed ammirevole abilità, le avventure delle quattro sorelle Graziati. Ho avuto il piacere di leggere poco tempo fa, anche il primo romanzo intitolato "Nella vita e in amore…tutto può succedere" (recensione pubblicata su Storie di Lettura blog), una commedia contemporanea che mi ha molto divertita ed appassionata, motivo per il quale, non ho potuto sottrarmi dall'intraprendere anche questo secondo viaggio. Sono scivolata curiosa e piena di aspettative, tra le righe e le pagine di questo libro, così come nelle vite effervescenti delle sorelle Graziati, sempre scoppiettanti, ricche di eventi, contrattempi ed incontri, per poter finalmente scoprire come sono andate avanti le cose, ma soprattutto, come si sono risolte le questioni lasciate in sospeso alla fine del primo romanzo! Seguitemi in questa mia chiacchierata se volete conoscere le mie impressioni! Prometto di non dilungarmi troppo, anche se ho sempre tante cose da dire!    

In questo secondo volume, il narratore delle vicende che vedono protagoniste, le quattro sorelle, i loro amici e i loro amori, è Marco il fratello maggiore, già sposato e padre di un neonato. La storia si apre con lui che, a causa di una chiamata partita inavvertitamente, riesce ad ascoltare le conversazioni delle ragazze, tutte e quattro in viaggio verso la baita di famiglia. E' la vigilia di Capodanno e, per ovvie ragioni, considerando la loro proverbiale sconsideratezza, rimangono bloccate in auto senza benzina e con una tormenta di neve in arrivo.

Nell'epilogo ci sarà la rivelazione del perché del loro viaggio improvvisato, mentre nel mezzo è un'esplosione di incontri, equivoci, sorprese ed eventi casuali o voluti, che sanno rendere la vita di queste quattro ragazze avventurosa e frizzante. Come nel primo romanzo, le avventure sono quelle semplici, di un quotidiano che riesce a volte, ad assumere quel mix di audacia, quel briciolo di intraprendenza e quel carico di aspettativa, per far svoltare la giornata, trasformando la realtà banale in una realtà straordinaria. Non esistono colpi di scena eclatanti e di grande artificiosità, qui siamo in una dimensione più intima, in quella di una vita scandita da ritmi precisi, quelli della routine, quelli della corsa di mezz'ora prima della doccia e della colazione al solito bar, quelli dell'autobus che passa ogni mattina alla stessa ora e quelli appesantiti da un traffico che congestiona la città.  

Per quanto normali, sono tutte attività che di volta in volta, sanno diventare frenetiche ed incalzanti. Soprattutto quando il caso inaspettatamente, illumina le giornate in una esplosione di coriandoli. In quei momenti la vita, pur srotolandosi in un moto continuo, nel suo costante e ritmico rimbalzare, con quel suo susseguirsi di eventi più o meno gradevoli, tra uno o più incontri improvvisi o predestinati, ecco che si arricchisce di aspettativa, regalando a queste giovani donne piene di energia e di desideri da esaudire, in cerca dell'amore vero e di uno sbocco professionale, la certezza che tutto andrà per il meglio e la loro esistenza, riempirsi di tanto amore e grandi soddisfazioni.

Le quattro sorelle Graziati affrontano situazioni ed incontri che riescono a cambiare inevitabilmente, il loro destino, anche se avvengono in luoghi "normali", ora in città caotiche, ora in cittadine che sanno di provincia, di luoghi a misura d'uomo, dove tutti si conoscono e dove tutti sanno tutto di tutti, ed è impossibile mantenere i segreti o passare inosservati. Sono passati pochi mesi dai fatti raccontati al termine del primo libro. Tante cose sono ancora da risolvere o da rivelare, mentre altre sono già ben definite.

Jenny ha finalmente trovato il suo principe azzurro. Christian è l'uomo che incarna ogni suo desiderio ed insieme formano una coppia appassionata e ben assortita. Lui sa infondere sicurezza in Jenny, anche il senso di inadeguatezza e quel lato del suo carattere più fragile, ogni tanto fanno capolino, mettendo a repentaglio le scarne certezze da poco acquisite, provocando in lei, tanta sofferenza e molta frustrazione. Ora è arrivato il momento di affrontare una volta per tutte, le situazioni che la infastidiscono e che ferocemente, vanno a colpire senza pietà, là dove il nervo è scoperto. Tante le novità in arrivo in ambito personale, sentimentale e professionale

Rebecca detta Beky, tra le sorelle Graziati, è quella che attira i guai e le situazioni più difficili. Attorno a lei e dentro di lei è il caos. Si trova sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato. È una calamita per le rogne e il destino sembra farsi beffe di lei, costringendola nella posizione più fastidiosa, ovvero quella di essere l'unica a conoscere gli scomodi segreti che riguardano indirettamente le sue sorelle. Senza che abbia fatto nulla di volontario, la povera Beky suo malgrado, diventa ogni volta la custode di verità che pesano come macigni e hanno l'aspetto di vere patate bollenti. La cosa più grave, è che non sa assolutamente come gestirle. E' preda dell'eterno dubbio: dirlo o non dirlo? Ovviamente qualsiasi decisione prenda, l'unica certezza sicura è che l'esito sarà catastrofico. Anche per lei tante novità professionali e sentimentali…non voglio anticiparvi nulla, ma WOW!

La rampante Regina è diventata una goccia di miele per tante api che non riescono a fare a meno di ronzarle attorno. Ora, a quasi 29 anni, è una donna che sa ciò che vuole a livello professionale. Per quanto riguarda la sfera sentimentale è sicura di non volere nessuno… ma diffidate delle sue dichiarazioni! Rigida come sempre, sulle quelle convinzioni dure a morire, ci metterà un bel po', prima di diventare consapevole delle proprie verità, ma tranquille, scoprirà ogni cosa grazie ad un incontro infuocato. Ma non sarà tutto così semplice. Volete che non ci sia di mezzo un'altra scommessa? Nah…io non parlo! Vi dico soltanto che questa volta, è colorata di un bel rosso passione.  

Angelica tra le quattro sorelle Graziati è la più pessimista. Fa fatica a credere che le cose per lei possano andare finalmente bene. Ad un passo dalla felicità completa, teme possa accadere qualcosa in grado di farla ripiombare nel baratro della sconfitta e della disperazione. Le esperienze del passato insegnano, ma sono dei tarli che lacerano le poche sicurezze rendendola disperata, proprio nel momento in cui dovrebbe soltanto essere serena, contenta e soddisfatta. Le sue paure saranno fondate? Che altro dramma sarà costretta ad affrontare? Potrete scoprirlo solo leggendo.

Come per il precedente libro, i personaggi sono il fulcro dell'intero romanzo. Sono loro che lo animano e lo colorano, con le loro personalità così perfettamente delineate. In questo secondo volume, si aggiungono personaggi nuovi a quelli già incontrati. Per le sorelle Graziati, regine della scena, a volte il passato ritorna, mentre in altre la novità ha il sapore della scoperta e della passione. L'entusiasmo impera, così come la spinta verso il futuro, nella volontà di creare il proprio destino con coraggio e perseveranza, superando ogni intoppo, ostacolo, che si pone sul loro cammino. L'unione fa la forza e questo romanzo diventa un inno alla vita, alla gioia e alla riscoperta di quei valori che sono il succo della vita, ovvero l'amore, l'amicizia, la famiglia, l'integrità, il rispetto, l'etica e la morale, in tutte le loro forme e collocazioni. Questo racconto leggero e scanzonato diventa profondo nel forte messaggio che racchiude, positivo e propositivo.

 
Tutto perfetto. Mi sono beata nella lettura di questa storia appassionante che sa tanto di paese e poco di metropoli. Dove la semplicità fa da padrona e non stanca mai. Ho riso tanto, mi sono molto divertita ed anche emozionata. In alcuni passaggi sono scivolata nella rabbia e nel nervosismo, così come nell'indignazione. In altri momenti invece, sono stata travolta dalla passione che ha imperato in certe scene che non sono mai scadute nel volgare, grazie alla capacità dell'autrice di essere evocativa, con misura, senza mai andare troppo oltre.   

Stilisticamente, anche questa volta ho trovato la scrittura sempre molto gradevole, vivace, fresca e divertente. Nessun momento di stasi, gli eventi si susseguono incalzanti e la trama risulta allegra e frizzante. Bella l'idea del brano del testo della canzone all'inizio di ogni capitolo, perché ha saputo anticipare l'argomento principale. La grande attenzione nei confronti del particolare ha reso ogni scena credibile e coinvolgente, così come l'uso della gestualità corporea e della mimica facciale. La descrizione delle varie espressioni, dei cenni e degli sguardi dei vari personaggi, ha il merito di rafforzare l'enfasi del momento e la credibilità del dialogo, che inevitabilmente incatena alla lettura.

Il mio giudizio verso "I guai son come i baci... uno tira l'altro!" è assolutamente positivo e aspetto di leggere il proseguo. Da quel che ho capito, non sarà un'ulteriore libro con le sorelle Graziati protagoniste. Sarà un qualcosa di diverso, ed io sono pronta ad accogliere ogni nuova proposta da parte di Barbara Scotto. Conquistata dalla sua scrittura e dai suoi personaggi, so per certo che sarà un'altra piacevole sorpresa!

Cristina Pisano 

Ringraziamo l'autrice per la copia ARC 



 

Commenti